sviluppo-web-qa.it

Qual è la differenza tra uno switch gestito e non gestito?

Ho visto della documentazione che parla dell'uso di uno switch non gestito. Qual è la differenza in funzionalità/prestazioni/ecc. tra uno switch non gestito e gestito?

68
Luke

Switch non gestiti: questi switch non hanno interfaccia o opzioni di configurazione. Sono plug-and-play. Si tratta in genere degli switch meno costosi, disponibili in casa, SOHO o piccole imprese. Possono essere montati su desktop o rack.

Switch gestiti: questi switch hanno uno o più modi o interfacce per modificare il funzionamento dello switch. I metodi di gestione comuni includono: una console seriale o un'interfaccia a riga di comando accessibile tramite telnet o Secure Shell; un agente SNMP di Simple Network Management Protocol incorporato che consente la gestione da una console o stazione di gestione remota; un'interfaccia web per la gestione da un browser web. Esempi di modifiche alla configurazione che si possono fare da uno switch gestito includono: abilitare funzionalità come Spanning Tree Protocol; impostare la velocità della porta; creare o modificare VLAN, ecc.

Oggi sono commercializzate due sottoclassi di switch gestiti:

Switch intelligenti (o intelligenti): si tratta di switch gestiti con un set limitato di funzionalità di gestione. Allo stesso modo gli switch "gestiti dal Web" sono switch che rientrano in una nicchia di mercato tra non gestiti e gestiti. Ad un prezzo molto più basso di uno switch completamente gestito forniscono un'interfaccia web (e di solito nessun accesso alla CLI) e consentono la configurazione di impostazioni di base, come VLAN, velocità della porta e duplex. [10]

Switch gestiti dall'azienda (o completamente gestiti): dispongono di un set completo di funzionalità di gestione, tra cui l'interfaccia della riga di comando, l'agente SNMP e l'interfaccia Web. Possono avere funzionalità aggiuntive per manipolare le configurazioni, come la possibilità di visualizzare, modificare, eseguire il backup e ripristinare le configurazioni. Rispetto agli switch intelligenti, gli switch aziendali hanno più funzioni che possono essere personalizzate o ottimizzate e sono generalmente più costosi degli switch "intelligenti". Gli switch aziendali si trovano in genere in reti con un numero maggiore di switch e connessioni, in cui la gestione centralizzata consente un notevole risparmio di tempo e sforzi amministrativi. Uno switch impilabile è una versione dello switch gestito dall'azienda.

Fonte: http://en.wikipedia.org/wiki/Network_switch

Spiegherei in modo più dettagliato, ma il wiki lo spiega abbastanza bene.

58
Troggy

La maggior parte degli switch gestiti offre funzionalità come:

  • Visualizza la tabella ponte per vedere quali indirizzi MAC sono associati a una determinata porta
  • Visualizza le statistiche degli errori per ciascuna porta
  • Visualizza le statistiche di trasmissione/ricezione dei pacchetti per ciascuna porta
  • Impostare la negoziazione duplex/velocità (o la mancanza di essa) su una base per porta
  • Visualizza lo stato Power-over-Ethernet e l'assorbimento di corrente per ciascuna porta (se applicabile)

In genere esiste un'interfaccia TELNET, seriale e/o basata sul Web per interagire con lo switch.

Molti switch gestiti consentono di eseguire il polling del dispositivo con il protocollo SNMP per utilizzare le informazioni sopra descritte in grafici, avvisi, ecc. (Attenzione: alcuni switch gestiti di fascia bassa, come la serie Dell 27xx, non dispongono della funzionalità SNMP!)

La maggior parte degli switch gestiti oggi supporta elementi come lo spanning tree 802.1D, le VLAN 802.1q e l'aggregazione dei collegamenti 802.3ad e l'interfaccia di gestione consente di configurare queste varie funzionalità. In genere è possibile impostare port VLAN appartenenze, collegare gruppi di aggregazione e controllare i parametri di spanning tree tutto da un'interfaccia Web o da riga di comando.

Un buon numero di switch gestiti ha adottato l'emulazione dell'interfaccia della riga di comando Cisco (HP ProCurve, Dell PowerConnect per citarne un paio) in modo tale che qualcuno con conoscenze specifiche di Cisco possa facilmente configurare tali switch.

18
Evan Anderson

Se stai discutendo se valga la pena aggiornare a switch gestiti, ecco alcuni criteri:

  • Sicurezza. Hai bisogno della possibilità di accendere e spegnere le porte, abbinare le porte con gli indirizzi MAC e configurare VLANS?

  • Prestazioni. È necessario monitorare e modellare il traffico di singole porte o switch? I tuoi clienti hanno esigenze prestazionali in tempo reale (SLA o metriche che devi soddisfare)? Hai VOIP impostato e desideri migliori funzionalità QoS sulla rete locale?

  • Gestione. Desideri poter vedere facilmente le prestazioni della rete su vari client? Hai ulteriore assistenza per la risoluzione dei problemi di connettività o altri problemi? Integra i tuoi switch nel tuo strumento di gestione SNMP per la correlazione dei file di registro?

  • Funzioni casuali. Hai bisogno di aggregazione dei collegamenti o delle altre funzioni casuali offerte solo dagli switch gestiti?

8
Adam Brand

Un'ulteriore cosa: la maggior parte degli switch gestiti consente una qualche forma di associazione delle porte (in modo da poter utilizzare più schede di rete in un dispositivo per moltiplicare efficacemente la larghezza di banda allo switch. Inoltre, VLAN spesso non viene trovato su switch non gestiti, ma sono comuni su quelli gestiti.

5
Chris

Gli switch non gestiti hanno un comportamento prestabilito che funziona dal momento dell'accensione fino allo spegnimento.

Gli switch gestiti normalmente hanno impostazioni che possono essere modificate in remoto. Ciò potrebbe includere l'attivazione o la disattivazione delle porte, la gestione delle velocità delle porte, la limitazione, la segmentazione e altro ancora.

3
dlamblin