sviluppo-web-qa.it

Quanto spazio dovresti lasciare libero su un disco rigido?

Esiste una regola empirica per quanto spazio lasciare libero su un disco rigido? Ho sentito che dovresti lasciare libero almeno il 5% per evitare la frammentazione.

[So che la risposta dipende dall'utilizzo (ad esempio: file video vs testo), dimensione del disco, livello RAID, formato del disco, dimensione del disco - ma poiché non è pratico fare 100 variazioni della stessa domanda, qualsiasi informazione è wlecome]

21
username

In genere si desidera lasciare libero circa il 10% per evitare la frammentazione, ma c'è un problema. Linux, per impostazione predefinita, riserverà il 5% del disco per l'utente root. Quando usi 'df', l'output non include quel 5% se lo esegui come utente non root. Solo qualcosa da tenere a mente quando fai le tue calorie.

Per inciso, puoi cambiare la riserva di root usando tune2fs. Per esempio

tune2fs -m 2 /dev/hda1

imposterà la riserva di root al 2%. Generalmente questo non è raccomandato, ovviamente, a meno che tu non abbia uno scopo ben preciso in mente.

20
jedberg

Cerco di mantenere lo spazio utilizzato al di sotto dell'80%. Al di sopra di questo numero, il filesystem generalmente deve lavorare di più per posizionare i dati sul disco, portando alla frammentazione.

5
Dave Cheney

Consiglierei il 10% in più su Windows perché la deframmentazione non funzionerà se non c'è molto libero sull'unità quando lo esegui. Lasciare spazio libero tuttavia non impedirà necessariamente che si verifichi la frammentazione. Come hai già detto, dipende dall'uso. La frammentazione è causata maggiormente in base alla quantità di varianza dei dati sull'unità e alla dimensione dei file che vengono scritti e rimossi. Più i dati cambiano e più casuali sono le dimensioni del file, maggiori sono le possibilità di frammentazione.

L'unico vero modo per ridurre al minimo la frammentazione sarebbe quello di deframmentare l'unità su base regolare manualmente o utilizzare uno strumento come Diskeeper che viene eseguito in background su Windows per ripulire quando la macchina è inattiva. Esistono file system in cui la frammentazione viene gestita dal sistema operativo in background, quindi non è necessario eseguire manualmente una deframmentazione.

5
Sean Preston

Gli SSD aggiungono un nuovo livello a questo. Indossa il livellamento e l'amplificazione della scrittura. Per questi motivi si desidera più spazio libero di quanto sia assolutamente necessario sui dischi rigidi tradizionali.

Short Stroking di un disco rigido tradizionale riduce la latenza per letture/scritture casuali. "Short Stroking" di un SSD fornisce al controller di unità più blocchi inutilizzati per la raccolta dei rifiuti/usura delle routine di livellamento in modo da non accelerare l'unità ma aumenterà la longevità e impedirà la perdita di velocità che si verifica quando un SSD si riempie.

Non vuoi ancora riempire il disco ma con gli SSD l'effetto immediato non c'è e il motivo per cui è diverso.

3
pplrppl

Direi in genere il 15%, tuttavia con quanto sono grandi i dischi rigidi oggi, purché tu abbia abbastanza per i tuoi file temporanei e file di scambio, tecnicamente sei al sicuro. Ma come pratica sicura, una volta raggiunto il 15%, è ora di iniziare a pensare di fare qualche ripulitura importante e/o acquistare un disco rigido più grande/secondo.

3
user2626

Da quello che ho capito, dipende anche dal file system sull'unità. Alcuni file system sono più resistenti a cose come la frammentazione del disco.

2
Psycho Bob

Proverei sempre a mantenere circa il 50% libero su volumi di sistema di qualsiasi tipo e, eventualmente, su volumi di dati più piccoli. Dimensionare 2 per 1, se possibile, e impostarei una soglia di avviso al 75% o qualcosa del genere.

Ma per l'archiviazione dei dati, tuttavia, è solo una questione di tasso di crescita dei dati che deve essere monitorato e/o stimato durante l'impostazione del monitoraggio ... se i dati non crescono molto velocemente, ad esempio un volume di 1 TB - un po 'di% per la soglia di avviso andrebbe bene e mi sentirei a mio agio con un utilizzo del 90-95%. Se il tasso di crescita è più alto, aggiustalo per ricevere una notifica in tempo ... la frammentazione può spesso essere gestita se i dati non crescono e cambiano solo con i deframment programmati.

1
Oskar Duveborn

Sì, dipende dall'utilizzo e dal sistema di archiviazione sottostante. Alcuni sistemi, come high end SAN ridono della frammentazione dei file rendendo l'unico impatto di sistema della frammentazione è il sovraccarico del sistema operativo nel disperdere le cose ovunque qui e in seguito. Altri sistemi, come laptop, unità sono un'altra storia tutti insieme e che non si inserisce nei file system più recenti, come ZFS, in cui il concetto di limite rigido allo spazio è nella migliore delle ipotesi nebuloso.

NTFS è la sua bestia, ovviamente. In questi giorni dò a C:\una dimensione totale di 15 GB per XP e non ho mai giocato con Vista/Win7 abbastanza per sapere cosa consigliare lì. Davvero non vuoi ottenere molto al di sotto di un GB gratuito su C:. L'uso di Shadow Copies significa che dovresti mantenere più spazio "vuoto" rispetto a quanto faresti altrimenti, e direi che il 20% di spazio libero è il marker per quando è necessario aggiungere altro o pulire -up deve accadere.

Per i semplici vecchi volumi di dati NTFS, mi preoccupo quando scende al di sotto del 15%. Tuttavia, se l'unità è un'unità da 1 TB, il 15% è ancora MOLTO spazio per lavorare e allocare nuovi file (al contrario, la deframmentazione richiede molto più tempo).

1
sysadmin1138

Cerco di lasciare il 50% gratuito per un paio di motivi:

  1. Avevo sentito che - nonostante le dimensioni relativamente ridotte del file di paging - che lasciare così tanto spazio potesse accelerare le cose. Credo che provenga dal libro molto utile "PC Hacks" pubblicato qualche anno fa.

  2. Non importa quanto sia grande l'unità, avere l'obiettivo di riempirlo solo a metà strada ti rende consapevole di ciò che è lì e, per me, significa che sono meglio sull'archiviazione o sul trasferimento di materiale su un esterno più grande.

0
Darren